Vai alla home di Parks.it

La prima edizione di Messer Tulipano a Pralormo nel sito UNESCO MaB “Riserva della Biosfera” CollinaPo.

Nel 18° compleanno dell’iniziativa a cura del Castello di Pralormo l’appuntamento per la celebrazione del primo anno di vita di CollinaPo, la prima Urban MaB d’Italia.

(Moncalieri, 01 Apr 17) Si inaugura oggi la XVIII edizione di Messer Tulipano a Pralormo, che quest'anno si svolge per la prima volta nel territorio che è stato riconosciuto sito UNESCO nel programma Man and Biosphere, denominato "CollinaPo". Il territorio orientale dell'area metropolitana torinese con i suoi 86 Comuni, grazie all'iniziativa del Parco regionale del Po e Collina torinese, ed ai partner IREN, SMAT e GTT ha ricevuto un anno fa, il 19 marzo 2016, l'importante riconoscimento UNESCO, raccogliendo i frutti di un lavoro tra natura e cultura, società ed economia, svolto dal Parco del Po e poi della Collina torinese, in quasi trent'anni di attività. Il prossimo 28 aprile dalle 14.30 alle 17.00 si terrà presso il Castello di Pralormo la cerimonia del primo anno di vita della nuova realtà UNESCO del Piemonte.  I dettagli del programma seguiranno presto sul nostro sito web.

Il 2017 è l'anno in cui la prestigiosa manifestazione botanico-culturale "Messer Tulipano" intrepreta in modalità particolarmente intensa il messaggio e i compiti dell'area MaB nella quale si inserisce, omaggiando il territorio attraverso l'organizzazione di attività sportive in ambito escursionistico, sia boschivo che collinare e proponendo riflessioni sulle politiche della sostenibilità e della salute. Questi, in tutte le loro sfaccettature, sono anche parte degli obiettivi di lavoro del Piano d'Azione MAB UNESCO CollinaPo ad oggi in corso di elaborazione con i Comuni del comprensorio. Le decine di chilometri di sentieri tra il Po e la Collina, come gli innumerevoli percorsi ciclabili, sono infatti le infrastrutture lungo le quali è possibile promuovere le attività dello sport e della fruizione all'aria aperta.

Il Parco e sito UNESCO CollinaPo è stato invitato a partecipare e sarà presente nell'edizione 2017 di Cascine in Piazza, mostra mercato delle eccellenze locali enogastronomiche e produttive, in particolare nei giorni 30 aprile e 1° maggio, per presentare il proprio territorio di Riserva di Biosfera con la miniguida web all'incredibile ricchezza di prodotti realizzata dall'Ente Parco del Po e Collina Torinese, che in prima battuta sono stati oggetto di promozione nell'ambito di Terra Madre 2016, oltre al calendario della Camminate 2017 con il Coordinamento Sentieri della Collina torinese. Sarà anche l'occasione per presentare iniziative concrete su come questa realtà possa divenire elemento di cooperazione anche con le attività economiche e di servizio del territorio: lo stand sarà infatti realizzato in collaborazione con l'Urban Ecovillage Grinto, nato alle porte del Parco le Vallere e con il quale è stata sottoscritta una convenzione di collaborazione per attività congiunte di promozione territoriale e comunicazione.

E' questa anche l'occasione per stringere tra CollinaPo e le "Terre Rosse del Pianalto" uno scambio e sostegno reciproco. Questo "tesoro geologico", grazie alle eccellenti proprietà plastiche che consente da secoli la produzione di rinomati laterizi e cotti ornamentali, e in virtù della sua incredibile impermeabilità, ha favorito nel corso del tempo la realizzazione di oltre 100 peschiere utilizzate per l'allevamento della rinomata "Tinca Gobba dorata del Pianalto". Un esempio tipico di come natura, risorse del suolo e attività economica ed artigianale possono creare un ciclo virtuoso di scambio, secondo il modello sistemico a cui CollinaPo si ispira: non uomo e natura divisi tra di loro, ma uniti in mille possibilità di convivenza sostenibile.

Come ha ricordato il Presidente Valter Giuliano recentemente:

"I 28 Comuni del Parco, insieme ad altri 58 circostanti - nella strategia del "parco fuori dal parco"-  sono stati accreditati quale sito UNESCO con la denominazione "CollinaPo", la 14° Riserva della biosfera MaB d'Italia, la prima "Urban MaB" in quanto includente al suo interno una realtà metropolitana come quella di Torino, con il suo intero perimetro comunale.

Questo riconoscimento ha consegnato ancora maggior valore identitario all'intera area territoriale del geomarchio CollinaPo come MAB – in particolare spendibile per le economie del territorio - ma ha anche permesso di attivare un rapporto con il sistema complessivo del Fiume Po che è costellato di altre due realtà MaB: il Delta del Po e il Monviso, oltre all'importante area della Valle del Ticino.

Una situazione che consente, strategicamente, di lavorare e che ha stimolato anche su nostra iniziativa la nascita di un "Progetto Distretto UNESCO", che mira a mettere a sistema tra di loro i siti WHL, i Geoparchi e le aree MAB nella nostra Regione e che di recente l'Assessorato di Antonella Parigi sta curando.

Nella prospettiva di promuovere una gestione attiva e partecipata abbiamo attivato alla fine del 2016, con la collaborazione tecnica dell'Istituto SITI, l'ipotesi di una convenzione che permetta anche una stretta compartecipazione di tutti i Comuni coinvolti nel MAB all'evoluzione del programma e la creazione di una strategia territoriale unitaria oltre ad una forma di raccolta fondi per sostenere le attività di regia locale.

Nel giugno del 2016 il Consiglio dell'Ente ha approvato un ambizioso piano di attività che comprende progetti strategici ed azioni concrete. Su tre delle azioni pilota concrete, l'obiettivo è già stato raggiunto:

- il progetto di realizzare una Ciclostrada del Canale Cavour è stato finanziato dalla Regione Piemonte sulla legge 4/2000 con 2 milioni di euro per il progetto e per le prime attuazioni di cantiere. Un risultato importante per una progettualità attivata dall'ente dal 2009.

- sul sistema dei sentieri della Collina torinese oltre 200.000 euro sono stati assegnati all'Ente in collaborazione con i 50 Comuni coinvolti sulla misure dedicata del PSR regionale.

- il progetto del Masterplan del Po dei Laghi per il recupero del territorio interessato dalle attività estrattive intorno al Po da Moncalieri a Pancalieri è ancora in attesa di una sua ripresa, ma è all'attenzione proprio in queste settimane dell'Assessore Antonella Parigi, d'intesa con gli assessori Valmaggia e Desantis, per cogliere le opportunità dei finanziamenti europei."

Uno scorcio del volto del Parco del Castello in occasione di Messer Tulipano
Il Castello di Pralormo
Gli allevamenti della TInca Gobba nel Pianalto di Poirino e Pralormo
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po Torinese - p. iva 06398410016